San Gimignano e Volterra: tra vigne e set cinematografici

San Gimignano e Volterra, due perle della regione Toscana, non possono mancare in un viaggio all’insegna di buon cibo e cultura.

San Gimignano, con il profilo delle sue 14 torri (che hanno contribuito a far dichiarare il borgo Patrimonio dell’Umanità Unesco nel 1990) vi conquisterà subito, catapultandovi direttamente nel medioevo. Tra le sue attrazioni principali si ricordano:

  • Il Duomo di San Gimignano, conosciuto anche come Collegiata di San Gimignano. Tra i tesori che nasconde al suo interno, vi è l’affresco che ricopre interamente le pareti del Duomo e che non è mai stato sottoposto a restauro durante i secoli. I colori sono quelli originali, dipinti nel 14° secolo, e la loro vivacità e brillantezza è semplicemente sbalorditiva. Sebbene alcune sezioni mostrino dei segni di usura dovuti all’inesorabile trascorrere del tempo, con qualche tassello mancante (San Gimignano fu bombardata durante la Seconda Guerra Mondiale), per altre, invece, sembra che il tempo non sia mai passato o che siano state appena dipinte.
  • Il Palazzo Comunale di San Gimignano, costruito nel 1288, ospita la sede “storica” dei Musei Civici. Il percorso museale consente di ammirare famosi cicli di affreschi che riescono a trasmettere al visitatore quel senso civico che aveva nel palazzo podestarile la sua sede d’elezione. Al primo piano si trova l’antica Sala del Consiglio, detta anche la Sala di Dante (a ricordo della visita che il poeta fiorentino nel 1299 fece a San Gimignano come ambasciatore della lega Guelfa), con le scene di caccia e di torneo dedicato a Carlo d’Angiò, realizzate da Azzo di Masetto. Al secondo piano del Palazzo Comunale di San Gimignano si aprono poi la camera del Podestà, con le divertentissime scene d’amore profano dipinte da Memmo di Filippuccio tra il 1303 e il 1310, e le sale della Pinacoteca. Qui si possono ammirare i momenti fondamentali della committenza artistica sangimignanese.
  • Dalla Pinacoteca è inoltre possibile accedere alla Torre Grossa, edificata fra il 1300 ed il 1311, dalla quale si gode un panorama mozzafiato che spazia dalla città alla circostante campagna della Valdelsa, fino alle montagne pistoiesi e alle Alpi Apuane.

Per chi si ferma a San Gimignano è d’obbligo bere almeno un bicchiere di Vernaccia uno dei migliori vini bianchi italiani D.O.C.G, conosciuto in tutto il mondo!

Volterra è un gioiello che domina tutta la Val di Cecina. Il suo orizzonte si estende fino al mare e con la sua doppia cinta di mura, quella etrusca e quella duecentesca, è una città dall’aspetto medievale, dove è ancora possibile gustare l’atmosfera di un borgo antico. E’ stata una delle principali città-stato dell’antica Etruria e durante il medioevo fu sede di un’importante signoria vescovile. Il borgo è conosciuto da secoli per la lavorazione dell’alabastro i cui manufatti costituiscono oggi uno dei più importanti prodotti dell’artigianato italiano.

Volterra è ricchissima di testimonianze artistiche, da ammirare passeggiando per le vie del centro storico come le antiche dimore dell’epoca comunale, Casa Buon Parenti e Casa Buonaguidi.  Il Palazzo dei Priori si innalza nella piazza che porta il suo stesso nome. L’edificio, iniziato nel 1208, è il palazzo comunale più antico della Toscana. 

La città è conosciuta in tuto il mondo grazie alla saga di Twilight. Stephenie Meyer, nel suo celebre romanzo New Moon, parla del piccolo borgo medievale, come la città dove risiedono i membri del potente clan dei Volturi, ovvero la famiglia reale di vampiri incaricati di garantire il rispetto delle leggi della specie. Quindi aglio alla mano e tenete gli occhi aperti, forse potrete incontrarne uno…(di notte).

Se volete intraprendere un viaggio caratterizzato da cibo, buon vino e scorci suggestivi, abbiamo quel che fa per voi! Dai un’occhiata al nostro programma: San Gimignano e Volterra.

Se sei interessato ad avere maggiori notizie contattaci!

©2022 Toscana Turismo  P.IVA 04716270485